PRISMI News

Il posizionamento delle immagini

Scritto da Anna Magri il 11-02-2021

Argomenti: ilwebdiventasemplice, seo immagini

Google, da anni, più che un motore di ricerca è diventato un motore di risposta per accontentare al meglio gli utenti che si rivolgano a lui per cercare informazioni. 

Oltre alla ricerca testuale, Big G ha altri motori di ricerca paralleli, tra i quali Google Immagini, che è unimportante fonte di traffico naturale 

Spesso sentiamo parlare dquanto sia importante il contenuto per la SEO, trascurando il fatto che il contenuto non è solo testuale, ma anche visivo (evito di soffermarmi sul fatto che per i motori di ricerca è tutto testuale in quanto legge solo codici). Google stesso ha scritto le “best practice” per ottimizzare le immagini, dando consigli ben precisi e pratici.

il posizionameto sui motori di ricerca delle immagini
1. Esperienza dell’utente 

L’esperienza dell’utente, nel linguaggio tecnico “user experience, è molto importante per il posizionamento organico, che, grazie all’intelligenza artificiale, anche i motori di ricerca riescono a verificarenegli ultimi anni, infatti, la capacità dei computer di riconoscere le immagini è stata sempre più utilizzata per confrontare il contenuto del tag con quanto analizzato nell’immagine, e la corrispondenza tra loro viene premiata dall’algoritmoÈ importante che le immagini scelte per la pagina siano pertinenti all’argomento trattato e siano inserite dando valore al testo stesso. Se in una pagina si parla ad esempio di “finestre in pvc su misura, è importante inserire immagini originali e vicine al testo che tratta di quel tipo di prodotto specifico (solitamente si inserisce l’immagine prima del contenuto testuale). Secondo Google, infatti, sarebbe meglio non inserire contenuto testuale all’interno delle immagini, in particolare in parti funzionali del sito come i menù, per favorire la visione delle immagini a tutti, in quanto gli strumenti per tradurle non sempre funzionano correttamente. Per questo ultimo motivo è diventato indispensabile compilare il tag ALT (testo alternativo per chi utilizza CMS come Wordpress). 

Esprienza dell'utente con le immagini

Per una buona esperienza dell’utente, l’immagine deve essere di alta qualitàAltra cosa da tenere in conto per una buona user experience sia dell’utente sia dei motori di ricerca sono le url delle immagini, che devono essere parlanti (ovvero contenere il nome dell’oggetto a cui fanno riferimento)quindi, ultimo consiglio, ma non meno importante, è avere un url pertinente al contenuto della pagina (es. finestre_in_pvc_su_misura.jpg). 

2. Titolo e descrizione

Anche le immagini hanno un titolo ed una descrizione che compare negli snippet del motore di ricerca, e bisogna ricordarsi di inserirle, altrimenti Google lo fa a suo piacimento, come succede per la search, e questo non ci dà alcuna garanzia che la compilazione automatica sia accurata o efficace come vorremmo. Spesso, quando si carica un’immagine, si sottovalutano questi elementi, che invece influenzare la scelta dell’utente nel cliccare o meno su quella determinata immagine. 

Titolo e Descrizione delle immagini nella serp

3. Peso e qualità dell’immagine 

Tutti i contenuti della pagina sono importantie quindi anche i contenuti visivi, perché in Google Immagini risultano ancora più interessanti e vengono qui

Proprietà immagini

 

5. Formati supportati 

I formati supportati da Google non sono tantissimi, e per questo è bene saperliSono: BMP, GIF, JPEG, PNG, WebP e SVG. 

6. Indicizzazione delle immagini 

Come per le pagine del sito, per far sìi che le immagini entrino nella grande biblioteca di Google e che quindi siano correttamente indicizzate, bisogna utilizzare la sitemap di immagini, in modo da fornire i dettagli e l’url di riferimento. Diversamente dalla sitemap normale, quella per le immagini supporta anche le url verso altri domini: questo può essere molto utile quando, ad esempio, dobbiamo gestire più di un sito, utilizzando così le stesse immagini ma con scopi diversi; l’importante è che i domini siano presenti e verificati all’interno della Search Console di Google.

 

Richiedi consulenza gratuita PRISMI